L’entroterra

pagina-copertina-entroterra

Con un’ora di auto si raggiungono i Monti Sibillini ammantati dalla magia del Monte Sibilla e con il misterioso antro della Profetessa, il Santuario della Madonna dell’Ambro e la grandiosa Pinacoteca di Montefortino.
A trenta minuti, si trova la suggestiva Servigliano (la città perfetta), il teatro romano di Piane di Falerone, i paesi del cappello ( Monte Vidon Corrado dove c’è anche la casa-laboratorio del pittore Osvaldo Licini, Montappone, Massa Fermana), gli affreschi della Cappella farfense di Montegiorgio, il castello di Azzolino a Grottazzolina, l’aria fine e le mura sforzesche di Monterubbiano, i Tre Archi di Petritoli,  il Tempio romano di Monterinaldo, il castello di Monsampietro Morico. Solo per accennare a qualcosa.

A pochissimi chilometri si trova (a sud) la superba Torre di Palme e il suo incantevole incasato, e dalla parte opposta (a nord) Casette d’Ete di Sant’Elpidio a Mare  con l’incredibile Basilica Imperiale di Santa Croce al Chienti.
Senza parlare della città di Fermo (Cisterne romane, Pinacoteca, Sala del Mappamondo, Teatro dell’Aquila, chiese e Duomo) dove storia, arte, cultura e paesaggio si fondono in un’armonia particolare.pag_entroterra02

Print Friendly